Smartphone foldable a conchiglia: ecco il tocco retrò dell’innovazione

Smartphone foldable a conchiglia: ecco il tocco retrò dell’innovazione

In un settore in continua evoluzione, come quello della telefonia, siamo abituati a vivere di news e quella che impazza (e fa impazzire gli appassionati del settore), oggi, è l’annuncio fatto da Samsung che, insieme a China Mobile, comunica l’intenzione di proporre sul mercato un nuovo smartphone pieghevole, questa volta, a conchiglia.

Il modello W20 di Samsung

Il modello in questione è il W20, successore del Samsung W2019.
Il dispositivo, che si stima sarà lanciato a novembre solo in Cina, si avvarrà del supporto 5G e sarà caratterizzato dalla nostalgica forma a conchiglia. L’idea, infatti, è proprio quella di utilizzare per la chiusura il lato più corto, ricreando così l’effetto (retrò e tanto amato) a conchiglia e garantendo agli utenti uno smartphone pieghevole più resistente.
Certo, dopo gli errori commessi con il Galaxy Fold, riguardo le tempistiche siamo un po’ scettici, ma attestiamo al colosso l’indubbia capacità di innovarsi e continuare a testare e proporre, nonostante le difficoltà emerse con quest’ultimo.

Lo storico Motorola Razr in formato foldable

L’altro colosso del tech che ha garantito agli appassionati del settore una smartphone news fresca fresca sui foldable è Motorola, che il 13 novembre a Los Angeles presenterà il suo Motorola Razr.
Il dispositivo non avrà solo il nome dello storico telefono a conchiglia (chi non lo ricorda o non lo ha posseduto da giovane, mente), ma ne riporterà l’estetica.
Un particolare che ha incuriosito molti è la presenza di un tasto fisico sulla parte anteriore della scocca. Per scoprire le sue funzionalità, però, dovremo aspettare il 13 novembre.

smartphone pieghevoli - smartphone foldable - Samsung w20 - Motorola Razr foldable

Credits: Sarang Sheth

Un po’ immatura, ma audace e, forse, vincente

Sì, è vero, la tecnologia degli smartphone foldable non è del tutto matura. I primi modelli ci hanno un po’ deluso e non parliamo solo degli utenti, ma dei professionisti del settore che, dai colossi del tech che ci hanno provato, si aspettavano sicuramente di più.

Eppure, la tecnologia degli smartphone pieghevoli ci attrae e, forse, è proprio l’audacia che c’è dietro la loro progettazione che ci fa pendere verso di loro, rendendoli un passo decisivo per innovare il settore.

Nonostante tutte le nuove uscite, il format classico dei device e i piccoli miglioramenti di sistema non ci bastano più. Quello che vogliamo veramente è un cambio (totale) anche nel design del dispositivo. Senza contare i vantaggi (nella visione, fruizione di contenuti e uso del 5G) concreti ai quali auspichiamo con una tecnologia del genere, a portata di mano.

Vogliamo sempre di più e i colossi del tech (che un po’ ci hanno mal abituati) lo sanno, quindi datevi una mossa con questa tecnologia un po’ immatura, ma audace e, forse, vincente.

ARTICOLI CORRELATI

Inserisci la tua parola chiave