Metamorfosi: Google e Material Design

Metamorfosi: Google e Material Design

Completa la sua metamorfosi, iniziata non poco tempo fa, Google Chrome che dal 4 settembre (data di rilascio di Chrome 69) si è presentata agli utenti su tutte le piattaforme con il suo nuovo look.

Un restyling che ha visto il Colosso di Mountain View abbracciare la filosofia del Material Design creando un’interfaccia per l’utente nuova, intuitiva e funzionale.

In principio 

Il progetto che vede protagonista Google e il Material Design viene presentato nel giugno 2014 quando il Colosso introduce un nuovo codice di sviluppo con Android 5.0 Lollipop. Un nuovo concetto di linguaggio visivo, per l’appunto materiale, che ha visto il cambiamento della grafica totale di Google che ha adottato questo approccio per tutti i suoi prodotti.

Il rendere materiali gli elementi grafici dando loro quello che possiamo definire uno spazio 3D, colori vivaci e tenui, ombre e luci è stata una mossa vincente. Senza dimenticare la dinamicità delle forme geometriche e la sensibilità delle animazioni del Material Design ai gesti dell’utente.

L’approccio Material Design è stato così coinvolgente da aver convinto anche altri a progettare app in questo nuovo linguaggio che, rispetto al flat design, è più versatile, fresco e sicuramente fruibile per l’utente.

Google oggi

La visione dell’upgrade in Material Design va attivato manualmente e i cambiamenti sono percepibili a occhio.

In generale la keyword selezionata per il colore dell’interfaccia è il bianco, il font selezionato è più snello e gli angoli dei riquadrati non saranno più spigolosi, ma arrotondati. Un dettaglio simpatico riguarda le schede aperte su Chrome che hanno la visualizzazione orizzontale come per Android 9 Pie riguardo le app aperte in background.

Google – Material Design – interfaccia - utente

Nello specifico

Google su desktop

Per la versione desktop sono stati selezionati temi luminosi, i colori dominanti sono il bianco e il grigio chiaro. Novità per le icone avatar che trovate di fianco alla barra degli indirizzi.

Google su Windows

Riguardo Windows 10, poi, ci sono altre simpatiche news integrate con il sistema operativo come le notifiche del browser nel centro notifiche e il miglioramento del riempimento automatico.

Vuoi passare al Material Design?

Attivare la nuova modalità è facile, ecco gli step necessari:

  • Per Chrome Desktop basta linkarvi all’indirizzo: chrome://flags/#top-chrome-md , andare alla voce “UI Layout for the browser’s top chrome”, selezionare l’opzione “Refresh” e riavviare.
  • Da Chrome iOS link a chrome://flags/#top-chrome-md , abilitare “UI Refresh Phase 1” e riavviare Chrome.
  • Su Chrome Android sempre link a chrome://flags/#enable-chrome-modern-design , selezionare “Enabled” e riavviare Chrome.

Guardare oltre e cogliere il meglio per costruire un design ad hoc per l’utente è una one best way. Google lo sa bene e ci stupisce sempre con piccoli dettagli, non ci resta che verificare l’assestamento del sistema e attendere le news del Colosso!

ARTICOLI CORRELATI

Inserisci la tua parola chiave